Primo soccorso

N.B. Il corso consiste di ulteriori 4 ore da svolgere in aula. Il corso di formazione per Addetto al Primo Soccorso aziendale ha l’obiettivo di favorire il giusto approccio comportamentale per gestire le principali procedure di pronto soccorso. Il Ministero della Salute, con Decreto 388/2003, classifica le aziende in due categorie e l’appartenenza di un’azienda o di un’unità produttiva ad un gruppo si riflette sulla dotazione minima delle attrezzature, sulla formazione richiesta agli addetti e sui doveri di comunicazione da effettuare al servizio sanitario regionale. Appartengono al gruppo A, le aziende con obbligo di notifica di cui all’art.2 del D.L.vo 334/99 (aziende a rischio di incidenti rilevanti connessi a determinate sostanze pericolose): centrali termoelettriche e laboratori nucleari di cui al D.L.vo 230/95; aziende estrattive e altre attività minerarie di cui al D.L.vo 624/96, lavori in sotterraneo (D.P.R. 320/56) e le aziende che fabbricano esplosivi, polveri e munizioni; II) le aziende od unità produttive con oltre 5 lavoratori indicate nelle statistiche INAIL del triennio precedente aggiornate al 31 dicembre con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a 4.
N.B. Il corso consiste di ulteriori 4 ore da svolgere in aula. Il corso di formazione per Addetto al Primo Soccorso aziendale ha l’obiettivo di favorire il giusto approccio comportamentale per gestire le principali procedure di pronto soccorso. Il Ministero della Salute, con Decreto 388/2003, classifica le aziende in due categorie e l’appartenenza di un’azienda o di un’unità produttiva ad un gruppo si riflette sulla dotazione minima delle attrezzature, sulla formazione richiesta agli addetti e sui doveri di comunicazione da effettuare al servizio sanitario regionale. Al gruppo B appartengono le aziende o unità produttive con almeno 3 lavoratori che non rientrino nel gruppo A. Rientrano nel gruppo B anche le Aziende od unità produttive di 3-5 lavoratori il cui gruppo di tariffa presenta un indice infortunistico di inabilità permanente superiore a 4. Al gruppo C appartengono quelle aziende con meno di 3 lavoratori che non rientrino nel gruppo A.
Il corso di aggiornamento per addetti antincendio di aziende del gruppo A, ha l’obiettivo di ripassare ed approfondire quello che è il giusto approccio comportamentale per gestire le principali procedure di pronto soccorso. Il Ministero della Salute, con Decreto 388/2003, classifica le aziende in due categorie e l’appartenenza di un’azienda o di un’unità produttiva ad un gruppo si riflette sulla dotazione minima delle attrezzature, sulla formazione richiesta agli addetti e sui doveri di comunicazione da effettuare al servizio sanitario regionale. Appartengono al gruppo A, le aziende con obbligo di notifica di cui all’art.2 del D.L.vo 334/99 (aziende a rischio di incidenti rilevanti connessi a determinate sostanze pericolose): centrali termoelettriche e laboratori nucleari di cui al D.L.vo 230/95; aziende estrattive e altre attività minerarie di cui al D.L.vo 624/96, lavori in sotterraneo (D.P.R. 320/56) e le aziende che fabbricano esplosivi, polveri e munizioni; II) le aziende od unità produttive con oltre 5 lavoratori indicate nelle statistiche INAIL del triennio precedente aggiornate al 31 dicembre con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a 4.
Il corso di aggiornamento per addetti antincendio di aziende del gruppo A, ha l’obiettivo di ripassare ed approfondire quello che è il giusto approccio comportamentale per gestire le principali procedure di pronto soccorso. Il Ministero della Salute, con Decreto 388/2003, classifica le aziende in due categorie e l’appartenenza di un’azienda o di un’unità produttiva ad un gruppo si riflette sulla dotazione minima delle attrezzature, sulla formazione richiesta agli addetti e sui doveri di comunicazione da effettuare al servizio sanitario regionale. Al gruppo B appartengono le aziende o unità produttive con almeno 3 lavoratori che non rientrino nel gruppo A. Rientrano nel gruppo B anche le Aziende od unità produttive di 3-5 lavoratori il cui gruppo di tariffa presenta un indice infortunistico di inabilità permanente superiore a 4. Al gruppo C appartengono quelle aziende con meno di 3 lavoratori che non rientrino nel gruppo A.